Ieri sera ho visto annoZero, tema della
Crisi Alitalia : chiudiamo Malpensa ?

Anno zero

Cerco di esprimere in sintesi, con parole mie quello che hanno detto i vari esponenti politici.

1) On. Maroni, Lega Nord
Alitalia deve rimanere alla Malpensa fintantoche’ non entri una nuova compagnia.
Questo per preservare i posti di lavoro.

2) Presidente della regione Lombardia , On Formigoni
Anche per me Alitalia deve rimanere alla Malpensa fintantoche’ non entri una nuova compagnia che pero’ non deve essere AirFrance perche’ altrimenti ci declassano Malpensa e ci trattano come pezze da piedi. L’Italia deve avere una compagnia che supporti voli internazionali e che offra servizi per i nostri imprenditori che dalla Lombardia , cuorepulsante della nostra economia, devono poter andare all’estero.

3) On. Fassino (PD)
Malpensa costa ad alitalia 200 mil all’anno quindi basta con questi costi e questi sprechi. Da Torino a Trieste ci sono ben 6 areoporti ( Torino, Malpensa, Linate, Orio al Serio, Verona, Venezia ) + Genova e Bologna. Vanno tutti benetranne Malpensa quindi alla Malpensa si devono arrangiare e facciano come gli altri.

Tralascio altri interventi piu’ o meno titolati.

Io sottoscritto , cittadino della repubblica italiana :

1)La lega e’ demagocicamente dalla parte dei deboli, 20 anni fa era con gli agricoltori espropriati per l’ampliamento di Malpensa, oggi e’ dall’altra parte. Non dice mai COME realizzare certi progetti, è sempre contro e poi asservita al potere quaando e’ a Roma : voto 3

2) Formigoni si riscopre statalista, vuole che l’Italia abbia una compagnia di bandiera mantenuta a tutti costi dallo stato, anche se la parola stato nei suoi discorsi viene sempre schivata.

Scopre che come hub per voli intercontinentali Malpensa e’ un disastro perche’ la gente paga meno ad andare prima a Francoforte e poi a Londra e partire da li’.
Non vuole i francesi perche’ quelli sbaraccano baracca e burattini e mettono Malpensa come Orio al Serio con perdite di posti di lavoro, ed aggiungo io, di potere per qualcun altro.
Pero’ e’ di Forza Italia e mica puo’ ragionare come Bertinotti : voto 4 ( meglio di Maroni solo perche’ piu’ bravo nell’equilibrismo dialettico )

3) Fassino ragiona come un moderno uomo politico: tutto deve essere governato dalle leggi di mercato. Malpensa e’ un costo per Alitalia? Bene allora l’Alitalia deve andar via da Malpensa. Gli dicono : “Possibile che l’Italia debba perdere il know-how su tutto? Sulle telecomunicazioni, sull’informatica ed adesso sull’aviazione civile ? ” E lui: “Alcune imprese vanno bene , altre vanno male: è la legge di mercato, tra quelle che vanno bene c’è l’ENEL che investe all’estero e fa utili”.
E gia’ l’ENEL e’ un’impresa che va bene perche’ la sovvenzioniamo noi con le nostre bollette belle salate, col contributo del 6% delle energie rinnovabili che si mangia per fare termovalorizzatori, mica per altro.
Togliamo ENEL ed ENI ( sempre collegate alle nostre bollette ) ed e’ un disastro : Olivetti, Telecom, Montedison.
Voto 4 ( Grave per me parificare Fassino a Formigoni ma e’ inevitabile dopo un intervento cosi’)

Chi manca?

Mancano quelli che hanno voluto dal 1993 fare di Malpensa un areoporto Internazionale senza aver prima considerato nulla su costi e su tariffe di volo, quelli che danno un compenso all’amministratore delegato di Alitalia di 1,54 mil all’anno, mancano i burattinai della nostra finanza, mancano quelli che hanno ridotto in ginocchio il know-how tecnologico italiano per mantenere privilegi di potere.

Chi ca§§o vado a votare alle elezioni? Quello che anno deciso i burattinai che mettono nelle posizioni giuste i loro candidati? Che gli approveranno, una volta al loro posto , progetti come hanno fatto 15 anni fa con Malpensa? Che foraggino faraonici compensi ad amminstratori delegati che portano le loro aziende al fallimento ?

Annunci