Alla sera guardando il concertone del 1° maggio ho risentito una musica piacevole: era il famoso cantante brasiliano George Ben che cantava la famosa Fio Maravilha.

Jorge Ben era un buon giocatore brasiliano, poteva diventare veramente forte, ma un infortunio lo costrinse ad abbandorare il calcio e ripiegare sulla sua seconda grande passione: la musica.
Fio Maravilha era un giocatore del Flamenco e Jorge Ben era un appassionato tifoso del Flamenco ( la squadra più famosa di Rio de Janeriro ).
Fio non era un grandissimo giocatore, ma il 21 agosto 1971 durante una partita del Flamengo contro l`Atletico Mineiro, fece uno straordinario gol al 33` del secondo tempo. Jorge rimase folgorato dall`impresa, così volle sublimare il magico momento dedicando una canzone all`evento, esaltando anche la sua razza nera, abile a fare meraviglie su un campo di calcio. La gioia durò poco. Quando era già passato un anno dall`uscita del brano, un ufficiale giudiziario si presentò a casa di Ben con una querela da parte di Maravilha, che lo citava in tribunale per aver utilizzato il suo nome senza consenso. A seguito di questa vicenda Jorge fu costretto a modificare il nome Fio della sua canzone in Filho, figlio. I due non si sono mai parlati né incontrati, ma Jorge seppe che l`ex giocatore si recò di nascosto a un suo concerto a San Francisco, nel 1996, dove tuttora vive ed è proprietario di un ristorante.

Annunci