giugno 2008


Peter rei va in vacanza. Non avevo intenzione di mettere nulla sulle vacanze, ma forse al rientro qualcosa postero’.

Dove va peter_rei ? Nelle Marche a Senigallia, spero di nuotare un po’ , la traversata del Lario incombe sempre piu’ minacciosa.

Ritorno il 4 luglio,  un caldo saluto a tutti ( quei pochi ma buoni) che mi leggono.

Ieri notte i Boston Celtics hanno conquistato il titolo NBA, in pratica il campionato di basket piu’ famoso al mondo.
Dopo anni di oblio ( 22 anni ) tornano al successo e come non ripensare agli anni ’80, alle sfide tra i campioni di allora,
Larry Bird, M. Hale, D.Ainge, Parish di Boston e K.Jabbar, ‘Magic’ Johnson, Cooper, Worthy…
Allora le partite erano trasmesse in chiaro e quanti, anche non esperti di basket seguivano quelle partite! Vinsero i celtics nel 1984, i Lakers nel 1985 e 1987.


Il basket ‘stellare’ made in USA era obbiettivamente uno spettacolo e di riflesso anche il basket nostrano era molto piu’ seguito di oggi.
Forse mi rendo conto di invecchiare, di essere un nostalgico quarantenne? Solo gli ‘aged’ vedono tutto bello nel periodo dei loro vent’anni ? Puo’ essere..Ma oggi, con tutto il progresso tecnologico, nell’elettronica, nell’informatica e nella telematica , con computer 1000 volte piu’ veloci e potenti, dobbiamo pagare fior di soldi per vedere quello che negli anni ’80 si vedeva gratis.

Traversata del Lario

Se ne esco vivo mettero’ qualche resoconto sul mio blog!! Scherzi a parte , e’ sempre bello sfidare il lago, sperando che il tempo migliori senno’ con questo freddo mi prendo una polmonite.

Con l’occasione ecco un Pasolini che con fare profetico sapeva cogliere gli aspetti della globalizazione.

 

Alto MinhoAlto MinhoIl Portogallo non ha petrolio e nemmeno sorgenti di gas, questo paese sta diventando uno dei paesi piu’ orientati all’energia pulita.

 

Ecco qualche foto di Amareleja: ci sono 2520 pannelli solari di grandi dimensioni, ognuno grande come una villetta, inclinati a 45° che seguono il sole.

Questa “fabbrica solare” fornita’ 45MW di corrente elettrica all’anno, per coprire il fabbisogno di 30.000 famiglie.

 

Alto Minho e’ un parco del vento, realizzato nel nord del Portogallo il piu’ grande “wind park” europeo con 130 turbine.

 

Il ministro dell’economia portoghese Manuel Pinho dice:

“Abbiamo bisogno di agire in fretta per evitare di danneggiare irreparabilmente il pianeta, cio’ che poteva sembrare stravagante nel 2004 quando decidemmo di investire su questo tipo di fonti rinnovabili sembra ora una strategia vincente”.

Investire in questo settore ha portato anche ad un reimpiego della manodopera che si specializza in costruzione di turbine, il 50% dei lavoratori e’ costituto da personale femminile, sono per lo piu’ lavoratrici reintegrate dal settore tessile, in crisi da qualche anno.

 

Il Portogallo ha quadruplicato le sue centrali eoliche con investimenti a lungo termine, i fondi sono arrivati da prestiti garantiti dallo stato, nel 2005 la percentuale di energia elettrica prodotta era del 20%, si pensa di arrivare al 60% nel 2020.

Sempre il primo ministro portoghese aggiunge:

“Con un programma energetico come il nostro non c’è bisogno di energia nucleare, l’acqua ed il vento ed il sole sono il nostro nucleare.”

 

 In Italia c’e’ bisogno di nucleare, il referendum del 1987 era abrogativo di una legge, basta cambiare la legge e se non si fa un’altro referendum abrogativo della nuova legge siamo a posto.