Il litorale nei pressi di Gaza city

Il litorale nei pressi di Gaza city

La foto sopra e’ copiata da google earth, dalla geografia si capisce parecchio della situazione a Gaza.

E’ un’anomalia, lo stato Palestinese spezzato in 2. immagine7

Dal punto di vista geografico la parte principale è quella lungo il Giordano, la Cisgiordania appunto, o WestBank all’anglosassone. Come estensione la Cisgiordania e’ molto piu’ grande rispetto alla striscia di Gaza, come si puo’ vedere dall’immagine, essendo di 6080Kmquadrati l’estensione della prima rispetto ai soli 360 della seconda. Se guardiamo invece alla popolazione si capisce di come la Striscia sia densamente popolata:

circa 1.500.000 abitanti, di cui oltre il 99% palestinesi contro i 2.000.000 e passa della Cisgiordania.

L’area dell’odierna Striscia di Gaza coincide approssimativamente con la Filistia biblica abitata dai Filistei. Questi erano una popolazione del Medio Oriente antico insediatisi lungo la costa mediterranea approssimativamente intorno al 1175. I discendenti dei palestinesi?

Fino al 1967 la striscia fa parte dell’Egitto, ma dopo la guerra dei 6 giorni viene a far parte di Israele. Questo fino al 1993, anno in cui viene decisa la cessione alla palestina o meglio all’ANP di Yasser Arafat.

Perchè fatah, ovvero il partito di Yasser Arafat avrebbe dovuto redimere gli estremismi dei musulmani, compito improbo perche’ Israele non era certo collaborativo con Gaza, la miseria e’ terreno fertile per Hamas tanto che , nel 2006 con i voti di Gaza questo sconfisse fatah e si candido’ a governare l’intero stato palestinese.

Dato l’isolamento del territorio di Gaza dal resto dello stato palestinese, uno sviluppo economico di Gaza sarebbe stato possibile , solo con la collaborazione di Israele, cosa irrealizzabile.

Sta di fatto che Gaza è un focolaio di terroristi, sostenitori di Hamas e di estremisti islamici che vi entrano dall’Egitto, una polveriera, dalla quale partono razzi che vanno a colpire i confinanti paesi israeliani.

Storicamente israele usa il pugno di ferro, e’ dal 1948 che lo fa, lo fecero contro gli inglesi e contro gli arabi, oltretutto il governo Olmert pensò che isolando Gaza e riducendo alla fame gli abitanti questi si sarebbero stufati di Hamas ed avrebbero sostenuto Fatah: è avvenuto il contrario.

Se guardiamo alle cifre c’e’ un’enorme sproporzione tra le vittime causate dai razzi Cassam e le vittime dei bombardamenti israeliani. Ma non e’ che c’e’ qualcuno a Gaza che ha interesse nel mantenere alto l’odio verso israele e periodicamente vuole una reazione israeliana con tanti morti ?

A chi non conviene la convivenza pacifica? 

A queste domande non trovo risposta, nonostante si trovino montagne di articoli e documentazioni sulla guerra israelo-palestinese.

Ecco un tramonto a Gaza , oltre al sole  tramontano le speranze di convivenza tra i popoli

immagine3

Annunci