settembre 2009


Ieri sera guardavo un film in DVD, all’inizio c’era il solito spot sulla duplicazione dei DVD, il monito: Attenzione
copiare DVD è reato! E’ come rubare!! Eccolo :

E nota bene si va nel diritto penale e non civile!

E come non pensare ai nostri governanti? Loro non rubano, ma legalizzano i proventi derivanti da prostituzione , spaccio droga ed attività mafiose. Ecco il decreto per l’ennesimo scudo fiscale.
Dopo l’approvazione del Senato, hanno posto subito la fiducia, per la 25-ma volta dall’inizio della legislatura,
ancora prima del dibattito parlamentare alla Camera.
Quindi pagando all’agenzia delle entrate il 5% potranno rientrare in italia dei capitali presenti su conti esteri intestati a persone ( fisiche o giuridiche) italiane. Si stima e si spera che arrivino quasi 300 miliardi di euro..
Proventi che sicuramente deriveranno da attività illecite, società di comodo e via dicendo.

Morale: chi fa rientrare i capitali puo’ permettersi anche di comprare i DVD originali nei negozi e quindi sarà comunque in regola..

Il 18 settembre scorso, ovvero venerdì scorso la bella Laure Manadou annuncia l’addio al nuoto.
Ha solo 22 anni essendo nata nell’ottobre del 1986.

E’ stata la più forte nuotatrice francese, di sempre.

    Una carriera folgorante:

  • 2004 europei di Madrid ( 3 ori nei 100 dorso, 400 stile libero e staffetta 4×100 misti),
  • olimpiadi di Atene ( tra cui oro nei 400 SL )
  • 2005 mondiali di Montreal oro nei 400 SL
  • 2006 record mondiale sui 400 sl in vasca corta e vasca lunga
  • 2007 mondiali di Melbourne oro sui 400 e 200 SL ( record mondiale 1’55″52)

Poi cominciano le vicissitudini sentimentali e da qua in poi la Manadou nuotatrice passa in secondo piano rispetto alla Manadou donna da copertina..

Laure Manadou - ottobre 2008

Laure Manadou - ottobre 2008


Un fidanzamento con nostro Marin concluso con liti e battibecchi agli europei in vasca corta del 2007..Gia’ da qua si capisce che il nuoto oramai non è più il suo centro di vita ed i risultati cominciano a calare, tanto che a Pechino nell’estate del 2008 arriva ultima nella finale dei 400 SL e settima nei 100 dorso..
Ora arriva l’annuncio del ritiro , peccato perchè a 22 anni poteva ancora essere ad altissimo livello.

Ma guardiamo a Dara Torres, altra nuotatrice , americana, famosa ( e formosa nella muscolatura ) con un carattere d’acciaio. Dara è nuotatrice da sprint, dove l’attitudine al nuoto si deve coniugare con una potenza da esprimere per poco più di 20″. Dara è nata il 15 aprile del 1967 ha 42 anni.
Il palmares di Dara lo trovate qua
Si allena ed è mamma di una bella bimba di 3 anni che si chiama Tessa.
Dara ha un carattere d’acciaio, grande spirito di sacrificio negli allenamenti e non cede a compromessi con niente e con nessuno, pure nella vita sentimentale ( 2 mariti e 2 divorzi ), il suo compagno attuale david Hoffman è il padre di Tessa..

Con la figlia

Dara Torres con la figlia


Dara soffriva di disturbi alimentari negli anni dell’università ora ha una attenzione quasi “maniacale” nell’alimentazione, dieta ed utilizzo di aminoacidi a catena ramificata, AM sport. Tutto legale s’intende, tanto che Dara è promotrice della lotta al doping e si fa controllare per 15 volte il sangue dal 2008 al 2009.

Ha partecipato a cinque olimpiadi ( saltando Atlanta 1996, sennò sarebbero 6 ).
A Pechino nel 2008, arriva seconda sui 50 stile libero. A Roma 2009 arriva ultima in finale, sempre sui 50 SL, ma corre in pratica con una gamba sola, handicap non da poco nello sprint dove la spinta delle gambe conta moltissimo. Il suo ginocchio fa male le cartilagini sono assottigliate. “Ogni volta che scendo le scale mi sembra un calvario” dice al cronista che la intervista prima dei 50 a Roma.

Dopo i 50 SL di Roma: Dara Torres ( a sinistra) - Britta Steffen a destra ultima e prima della finale

Dopo i 50 SL di Roma: Dara Torres ( a sinistra) - Britta Steffen a destra ultima e prima della finale


Ma non vuol saperne di smettere ora sarà a Tel Aviv per rifarsi le cartilagini. In pratica useranno le cellule staminali, tecnica non consentita negli USA.
Ma da qua alle prossime olimpiadi di Londra nel 2012 c’è tutto il tempo per recuperare…Ce la farà ?

Per caso l’ho risentita alla radio ,stamattina:  Olivia Newton-John , la vidi al cinema in “Grease”
Australiana, oramai ha passato la 60-na, vinto la battaglia con un cancro ed ogni
tanto appare in qualche esibizione

Bella voce , meno nelle movenze ma è un bel flashback.