Quanti nuotatori nello stile libero hanno questo difetto? Parecchi, in modo piu’ o meno accentuato.
Di solito con un braccio solo ma tanti non ne sono esenti ed io sono uno di questi: ovvero con il destro tendo in allungo ad andare verso la ideale linea che trasversalmente taglia in 2 il nuotatore.


Diciamo che capita di solito sul braccio opposto a quello del lato “preferito” per la respirazione, il mio difetto non è così accentuato come nella foto sopra ma comunque c’è..

Nel gergo dei nuotatori anglosassoni viene definito “Crossover” , le conseguenze di questo difetto sono:
– calo di propulsione ( non si spinge paralleli all’asse trasversale )
– sforbiciata di gambe
– nuotata “a serpente” o anguilla: la parte posteriore del corpo ha un andamento sinuoso invece che drittto

Non è facile rimuovere questo difetto, come tutte le cattive abitudini è difficile da sradicare, si può
fare qualche vasca correttamente ma poi ci si ricasca non appena si riprende a nuotare alla nostra maniera.
Ad una prima vista può sembrare strano e facile da evitare, in realtà è facile incapparvi perchè d’istinto si tende a far si che l’angolo tra il braccio in avanti e la linea delle spalle rimanga invariato: ERRORE!!

Ecco uno scarabocchio che spiega come si genera questo difetto:

A) errore ---- B) corretto

Il sito di swim smooth ha messo

questo articolo, dal quale ho preso la foto prima sopra, non è male è interessante…

Al di là dei consigli di swim smooth penso che il modo migliore sia quello di farsi vedere da qualcuno esterno e poi cominciare ad andare con braccio allungo senza paura di essere “larghi”. Ovvero abituarsi a pensare “largo” ( think wide ).

Annunci