Ieri mattina ho provato un allenamento trovato sul forum di Totalimmersion
Lo scopo e’ andare ad aumentare la resistenza, quindi in allenamento bisogna evitare di calare il ritmo , al contrario bisogna continuamente incrementarlo.
Ecco la scaletta eseguita da Terry

200 – 2:56 (1:28/100)
400 – 5:47 (1:26/100)
600 – 8:33 (1:25.5/100)
800 – 11:22 (1:25.2/100) I increased to 15 SPL at about 400 on this.
1000 – 13:53 (1:23/100) I started at 14SPL and went to 15 at 200 — ….

Per me sono tempi improponibili, con il conforto che se ci riesce lui che ha compiuto 60 anni magari ce la potrei fare anche io? Sinceramente non lo so..

In pratica ho preso come partenza un tempo piu’ che agevole per me sui 200 m e ad ogni 200m ho tolto 5″
Quindi se faccio 3’25” sui 200 , sui 400 farò 6’50”-5″, sui 600m farò 10’15”-10″, sugli 800m farò 13’40” – 15″ e sul chilometro 17’05” – 20″
Ecco il mio schema
200 – 3’25” recupero 30″
400 – 6’50” recupero 40″
600 – 10’15” recupero 1′
800 – 13’40” recupero 1′ + 50 dorso di rilasso
1000 – 17’05”
Domenica mattina ero in pessime condizioni di forma, causa lavori vari extra nuoto, pero’ ci ho provato lo stesso: ho rispettato fino ai 600 m poi ho mancato sugli 800 ( 13’55”) e sui 1000 ( 17’30”).
Non è affatto facile continuare ad aumentare la cadenza all’aumentare della distanza è necessario riuscire a nuotare sciolti ed efficienti, ma è difficile specialmente nelle ultime 2 frazioni.

Pero’ può essere un obiettivo . Ci riproverò.

Annunci