dicembre 2011


Ieri sono riuscito in un momento magico ad ottenere i fatidici 16 colpi sulle 2/3 vasche filate.
Diciamo che per me è un successo, sono alto 1,78cm e quindi è un ottimo risultato.

Oramai è da un mese circa che, abbandonati i ritmi alti, mi dedico alla nuotata lenta passando con poche bracciate.
Mi accorgo che riesco a fare meno fatica sulla distanza, mentre ho perso un pò sul breve ma questo non mi interessa.

Ecco lo schema di ieri:
Tune-up
4×25 Con 18*17*16*15 bracciate
3×50 balance focus ovvero pensa al rilassamento del collo
50 usa mano a pugno
2×50 streamline focus ovvero ricerca del massimo allungo

5×50 : 15-15, 16-16, 17-17, 18, 18

Poi setto il Tempo Trainer a 1.32 :
[4×25 + 3×50 + 2×75 + 1×100 ] sempre max 17 colpi

25 x10 con il TT da 1.32 a 1.16 ( max 17 colpi ) TT dimunuisce di 0.02
————————————————
Buon Natale a tutti

Buon Natale a Tutti

Ora che mi sto allenando regolarmente noto dei progressi, l’altro giorno pronti via: 4×25
in 17-17-16-15 bracciate!
Allenarsi tenendo conto delle bracciate e del ritmo richiede concentrazione, è più difficile che spingere come muli” senza pensare ad altro.
Ma rende di più, mi accorgo perche’ una volta alla settimana mi alleno con altre persone, mi
rendo conto che miglioro di piu’ di loro.
Di solito vengono propinate tabelle tipo “one size fits all” ovvero una taglia che vada bene a tutti, si specifica la distanza,recupero e per intensita’? Facile / medio / veloce.

In questo modo tanti arrivano alla “mediocrità terminale” ovvero a quel livello, spesso mediocre, oltre
al quale non riescono piu’ ad andare.

Tenendo i 3-4 allenamenti a settimana riesco sempre a rilevare leggeri miglioramenti, riesco sempre
a “spostare l’asticella un pò più in alto” rispetto all’allenamento precedente.
Non è facile, ci vuole concentrazione, tempo. La concetrazione è indispensabile per “isolarsi” dal
mondo esterno.
Questo mese ho messo nei miei “magici 500m” ovvero 4×25+3×50+2×75+1×100 i 17 colpi. Poi ho iniziato i “magici500” con il tempo trainer settato a 1.35, poi a 1.30. Ieri sono arrivato ai 75 con il TT a 1.25, non esiste il facile/medio/ in progressione/ veloce.

Con la crisi incombente perchè dovrei andare in giro nei negozi aperti? Aspettando il decreto legge che arriverà in serata vado in piscina, tanto ho l’abbonamento…W l’austerità. Adesso perchè questa parola non va più di moda? Forse perchè la sua evocazione ci porta a pensare negativo ed a contrarre i consumi?
Può essere ma allo stato Italia servono soldi…
Vabbè come incipit ce ne son di meglio ma questo è quello che pensavo ieri pomeriggio, verso le 17 e sempre 17 è il mio “magic number” ovvero 17 bracciate per vasca.
Nuoto lento e riesco a tenere i fatidici 17 colpi per vasca, ecco lo schema:
[4×25+3×50+2×75+1×100] poi metto il TT lento 1.35 ed è ok , sempre 17, anzi 16 sui primi 25 metri
Metto il TT a 1.30 e siamo ancora Ok, sempre 17, devo essere concentrato e lasciare affondare la
testa sennò non ci sto dentro ma ci riesco.
Metto il TT a 1.20 e siamo OK sui primi 25m e gia’ sui 50 andiamo a 35colpi invece dei 34 previsti.
Non c’è nulla da fare , a 1.20 mi fermo a 25…è inutila andare su distanze maggiori.

Cambio, andiamo sul veloce allora proviamo con il TT a 1.0 ovvero 60 colpi al minuto e qua si
va su di bracciata non poco, 19-20-21, perdo troppo in termini di efficienza ovvero con tanta fatica
in più guadagno troppo poco. Devo stare dentro questa “forbice”:

Quindi per la prossima volta, ripartiamo dall’inizio , rilassato andiamo
a 17 colpi e cerchiamo pian piano di aumentare la frequenza..Oppure parto dal veloce cercando di andare
non sopra i 19 colpi? La risposta è : tutte e 2 ovvero un pò ed un pò..

Domenica scorsa ho partecipato alla 12 ore di Paullo.

Oramai da abituè ho percorso 5.500 metri nell’ordine:

( 3k iniziali di fila+1.9+4×100+1×200)

Gli allenamenti non continui ed a bassa cadenza di bracciata mi fanno avere una nuotata confortevole,
non sono molto allenato faccio 3k in 53′ circa e 1.9 in mezzora ma va bene così.

Ora dovrei cercare di allenarmi ad una cadenza piu’ veloce ma non è semplice. Se guardo il numero di allenamenti dalla “ripresa” stagionale vedo che sono troppo pochi, ma più che la quantità è stata la qualità a scarseggiare:

Settimana N° allenam.
dal 12/9 al 18/9 1
dal 19/9 al 25/9 0
dal 26/9 al 2/10 0
dal 3/10 al 9/10 2
dal 10/10 al 16/10 1
dal 17/10 al 23/10 1
dal 24/10 30/10 3
dal 31/10 al 6/11 3
dal 7/11 al 13/11 3
dal 14/11 al 20/11 2
dal 21/11 al 27/11 3

ed anche ora ho sempre un certo malessere, tipo mal di gola, mal di testa unito ad una eccessiva stanchezza, quindi mi presento in vasca scarsamente propenso a migliorare, tante sessioni sono state fatte così, a scopo di mantenimento.
Spero che, con l’anno nuovo, riesca a riprendere un certo ritmo.
I social network mettono in crisi i blogger ma io cerco di continuare, preferisco scrivere qua che usare FB.