Torno a scrivere dopo parecchio tempo,

si invecchia ma lo spirito rimane quello di un tempo, perchè siamo macchine molto efficienti e pure dopo 50 anni riusciamo a funzionare ancora bene.

Tant’è ho ripreso con una traversata di 7km ( ne avro’ fatti quasi 1 di più perchè è impossibile nuotare dritto)

Partenza con il traghetto: da Maderno
TUSCOLANO

Il lago è ampio, paragonato alle strette sponde del Lario sembra quasi un mare, poi verso nord si stringe.

Attraversare il lago vuol dire nuotare con un po’ di onde, nel pomeriggio alla partenza un venticello ottimo per la vela e portatore di stabilità meteo monta da sud e si parte.
Parto tranquillo nuoto calmo come se dovessi nuotare per 24 ore, senza preoccuparmi di arrivare di là, prima boa appena passata a sinistra, gira di 45° e via verso la sponda lombarda.
Come sempre sono lento alla partenza e comincio a superare qualcuno, ci sono tante barche a fare un corridoio, le boe sono ogni 500metri, sembra impossibile ma quando nuoti con un pò di onde non vedi a 500metri, devi seguire quelli davanti, poi vedi la boa successiva.
Mi sembra di andare bene e così è, supero ancora un po’ di gente e piano piano vedo la sponda lombarda avvicinarsi, purtroppo inizia ad arrivarmi un mal di collo davvero fastidioso, ogni volta che devo guardare dove vado sento una fitta.
Ho un leggero rallentamento a circa -2km, vedo ancora molto lago davanti ed il collo mi tormenta sempre di più.
Raggiungo alla fine un gruppetto di nuotatori e questi pero’ non mi mollano, o meglio sono io che non riesco piu’ a staccarli.
Tanto che dopo un pò faccio 2 bracciate a rana e mando qualcuno avanti a far strada: li seguiro’ fino alla fine.
In prossimità della sponda lombarda c’è da fare un km ancora verso sud, paralleli alla riva e qua si soffre, il gruppetto mi sta andando via e non riesco a raggiungerli: hanno visto l’arrivo e si sono messi di lena, io dietro tanto che arriviamo all’arrivo di traverso , questa è la direttrice di marcia.
Arrivo alla fine , fuori dall’acqua barcolli un po’ , il collo passa ed arriva un dolorino alla spalla sx ( capolungo del bicipite infiammato).
2 ore e 40 circa di nuotata, Garda domato , sono over 50 che volete di più?